comemuoversi a milano
Lombardia,  Milano,  Nord Italia

Come muoversi a Milano senza possedere un mezzo

Siete appena arrivati a Milano e non sapete da dove partire per spostarvi per la città? State progettando una vacanza e volete sapere come muovervi senza problemi? O semplicemente volete sapere tutti i mezzi che la città di Milano ha da offrire.
Beh, qualsiasi sia il motivo, se volete sapere come muoversi a Milano siete nel posto giusto.
Da quando mi sono trasferita qui a Milano una delle domande che i parenti e amici mi fanno dalla mia città di origine è “ma come ti muovi per la città senza un’auto?” perché tutti sanno che non mi piace guidare e non penso di comprare un mezzo mio a breve.

La mia risposta è sempre che ci si muove benissimo a Milano con tutti i mezzi a disposizione, e pure se non ci credete, fidatevi che è così.
Milano offre un sistema di mezzo che copre tutta la città metropolitana, non esiste zona non coperta dai mezzi, un modo per arrivarci c’è sempre.
Muoversi a Milano può essere davvero semplice e comodo.

I mezzi a disposizione sono la metropolitana prima di tutto, poi abbiamo i tram, gli autobus, i treni suburbani che fanno parte tutti del sistema ATM (Azienda Trasporti Milanesi), il che vuol dire che si possono utilizzare con lo stesso tipo di biglietto.
Oltre a questi abbiamo i servizi di sharing che comprendono biciclette, scooter, macchine e perfino monopattini!

Quindi anche se non avete un vostro mezzo tranquilli che ce la farete alla grande.
Vediamoli adesso uno per uno come funzionano più nel dettaglio.

Muoversi a Milano: mezzi pubblici

costo biglietti e dove acquistarli

Prima di tutto per muoversi con i mezzi pubblici bisogna sapere dove acquistare i biglietti, ci sono rivenditori autorizzati come edicole che troverete vicino o dentro le metropolitane, i tabacchini, le macchinette che si trovano in ogni stazione metropolitana e dei treni. Ma non solo, se non siete nei pressi di una metro e le edicole sono chiuse potete acquistarlo tramite la loro app o via sms al numero 48444.
Il biglietto ha una validità di tempo come 90 minuti e copre una determinata superficie. La città infatti è suddivisa in zone e ad esempio il biglietto ordinario comprende tutta la parte centrale della città, solitamente è sufficiente se si deve visitare la città. Per accedere alle zone di provincia bisognerà acquistare un biglietto con il numero di zone da coprire.

Per saperne di più sulle zone scaricate la brochure dove trovate tutte le informazioni.

Biglietto ordinario: 2 euro
Biglietto giornaliero: 7 euro
Biglietto 3 giorni: 12 euro
Carnet 10 viaggi: 18 euro
Settimanale: 17 euro

Metropolitana

Mappa metropolitana 

Pro: frequenza, comodità
Contro: non coprono tutte le zone

La metropolitana credo sia il simbolo della città e il mezzo più veloce, oltre che comodo almeno per me. Si tratta di un sistema di linee sotterranee che coprono gran parte della città. Di buono c’è che le fermate sono segnate ovunque e in grande, quindi se sapete a quale dovete scendere tranquilli che sarà impossibile sbagliare. Inoltre non c’è traffico, il problema si crea soltanto negli orari di punta quando può essere davvero piena.

Le linee sono per ora quattro suddivise per colori: la più antica è quella rossa M1, la verde M2, la gialla M3 e M5 la lilla. Ogni linea passa dalle 6 del mattino fino a circa mezzanotte e passano ogni 3/5 minuti. Quando le metropolitane chiudono però ci sono degli autobus notturni che effettuano le stesse fermate, coprendo così le zone h24. Le frequenza degli autobus è circa ogni 20/30 minuti e attenti che quelli del sabato sera possono essere davvero affollati.

Al momento ci sono i lavori per la costruzione di un’altra linea blu e io non vedo l’ora di vederla attiva.
Per me usare la metro è il modo più semplice e comodo per muoversi a Milano, insieme agli autobus.

come muoversi a milano

Autobus

Pro: coprono tutta la città
Contro: traffico

La metropolitana non arriva in ogni punto della città, per coprire questa mancanza ci sono gli autobus e i tram. Ci sono circa 100 linee di autobus che riescono a percorrere tutta la città in lungo e in largo. Gli orari sono simili alla metropolitana, iniziano alle 5:30/6:00 fino a 00:30/1:45. A questi fanno eccezione la linea 90 e 91, che vengono chiamate anche circolare destra e circolare sinistra, che fanno un vero e proprio giro in circolo e passano h24, ogni dieci minuti circa.

Anche in questo caso quando gli autobus si fermano ci sono delle linee notturne che passano il venerdì e il sabato e i giorni antecedenti alle festività e sono i seguenti:

N15 Gratosoglio – Duomo M1 M3
N24 Vigentino – Duomo M1 M3
N27 Viale Ungheria – Duomo M1 M3
N42 Bicocca – Centrale FS M2 M3
N50 Lorenteggio – Cairoli M1
N54 Lambrate FS M2 – Duomo M1 M3
N57 Quarto Oggiaro – Cairoli M1
N80 Quinto Romano – De Angeli M1
N94 Porta Volta – Cadorna FN M1 M2.

Tram

Pro: panoramici
Contro: lentezza

I tram per me sono il mezzo più “turistico”, molti sono volutamente vintage e molto caratteristici. Data la lentezza se volete godervi il panorama senza fretta vi consiglio di provarli. Le linee sono 17 in tutto e a differenza degli altri mezzi alcuni tram passano anche fino alle 2 e mezza del mattino. Questo perché non hanno linee sostitutive notturne.

Treni suburbani

Pro: velocità, ti portano alle stazioni principali
Contro: coprono le stazioni principali, poi da lì dovrete prendere altri mezzi

Prima di trasferirmi a Milano non avrei mai pensato di prendere un treno per passare da una zona all’altra di una stessa città e invece ne sono diventata dipendente.
Si tratta di un mezzo davvero comodo e veloce. I treni coprono le stazioni principali della città come Cadorna, Garibaldi, Centrale, Bovisa, Porta Venezia, Rogoredo e Sesto 1 Maggio.
Ovviamente non coprono tutta la città ma possono portarvi da una zona all’altra molto velocemente, da lì poi potrete utilizzare autobus o metro per arrivare a destinazione. I treni fanno parte di TreNord, un sistema di treno che copre tutta la Lombardia, possono infatti essere utilizzati anche per uscire da Milano magari per una gita fuori porta, arrivano in città come Monza, Lodi, Pavia, Como, Lecco, Vare e altre.

Bus di quartiere

Pro: è un vero e proprio taxi
Contro: per me nessuno

Il radiobus di quartiere è un servizio attivo dalle 22 alle 2:00 ed è compreso nel biglietto ordinario di Atm. Ci sono dei capolinea dove potete sempre trovare in radiobus durante l’orario di attività e che, una volta saliti a bordo, può portarti a destinazione. Si tratta di una sorta di taxi notturno, molto utile!
Potete anche prenotarlo o chiamarlo nel caso abbiate bisogno. Trovate tutte le informazioni sulla pagina dedicata.

Muoversi in bicicletta

Pro: ecologica, si fa attività fisica
Contro: scomoda d’inverno, faticosa per lunghe tratte

A Milano sono diversi i servizi di affitto o sharing, uno di questi è quello delle biciclette. La città è tutta in piano quindi è un mezzo che può essere utilizzato comodamente e senza fatica (per me la bici in salita è una faticaccia!). Tra i vari servizi abbiamo prima di tutto BikeMi che è il servizio offerto dall’azienda di trasporti milanese, ci sono stazioni in tutta la città dove poter prendere e riposare una bici. Esistono abbonamenti giornalieri, settimanali o annuali e si possono fare tramite app, sul sito o presso un qualsiasi atm point. Per chi ha già l’abbonamento può caricare lì quello della bici. I prezzi sono rispettivamente 4.5, 9 e 36 euro. Agli abbonamenti però si aggiunge il costo del tempo del viaggio, la prima mezz’ora è gratuita, quelle successive sono 0,50 centesimi e si può viaggiare fino a 2 ore al giorno.

Un’altra app di sharing di biciclette molto diffusa in città è Mobike, a differenza di quella dell’atm, questa bici può essere presa e lasciata in qualsiasi parcheggio liberamente, con quello che si chiama free floating. Una corsa singola costa 1 euro. Altrimenti si paga a seconda del tempo, solitamente dai 30 ai 50 centesimi ogni mezz’ora. Ci sono anche abbonamenti che partono però da quello di 30 giorni a 9,90 e ti permettono di muoverti in bici due ore al giorno. A questi si aggiungono i costi di percorrenza, la prima mezz’ora costa 30 centesimi.

come muoversi a milano

Car sharing

Pro: avere una macchina a disposizione senza preoccupazioni
Contro: come gli autobus, se siete di fretta potreste bloccarvi nel traffico
Come avevo già anticipato i servizi di sharing offrono diversi tipi di mezzo, un altro esempio sono le auto. Anche in questo caso si noleggia un auto per il tempo di cui abbiamo bisogno per arrivare in un determinato punto. Ad offrire questo servizio sono diverse applicazioni come Enjoy , Car2go  o Drivenow . Per tutte le app bisogna registrarsi e poi ci sarà una mappa dove potrete vedere quali sono le auto più vicine a voi. I prezzi variano a seconda del servizio, ad esempio Enjoy costa 0,25 centesimi al minuti, ma si può anche affittare per 24 ore al prezzo di 50 euro.

Scooter sharing

Pro: si evita il traffico
Contro: non sono il massimo durante il mal tempo
Abbiamo parlati di biciclette, siamo passate alle macchine, ovviamente non poteva mancare anche il servizio di sharing degli scooter. Il servizio funziona in maniera quasi identica a quello delle auto, con la sola differenza che stavolta potrete trovare gli scooter in giro. Alcuni dei servizi più famosi sono MiMoto o Cityscoot, ma ce ne sono anche altri. Le tariffe sono abbastanza simili e il prezzo al minuti varia dai 20 al 30 centesimi al minuti.

Taxi

Pro: vi portano dovunque
Contro: prezzo meno competitivo

Il servizio taxi non credo abbia bisogno di particolari spiegazioni o introduzioni. Si tratta di un mezzo disponibile in qualsiasi città credo, a Milano le aziende che si occupano di questo sono diverse, si passa da quella del Comune di Milano, a 026969 , a Taxiblu.it . Si può prenotare un taxi tramite telefono, mail, per alcuni addirittura whatsapp e il prezzo varia a seconda della lunghezza della corsa.

Conclusioni

In questo articolo ho cercato di spiegarvi quelle che sono le diverse modalità per spostarsi a Milano senza dover possedere per forza un’auto. Spero che possa essere utile soprattutto a chi arriva in città per la prima volta e ha bisogno di una mano per orientarsi. Che sia per turismo o per venire a vivere qui, sono tutte opzioni molto valide, come ho detto però io preferisco sempre i mezzi, in particolare la metropolitana, perché da quando vivo a due passi da una fermata della Rossa mi trovo benissimo. Ogni mezzo ovviamente ha i suoi pro e contro, ma lo scopo è sempre quello di cercare di vivere una città più ecosostenibile possibile.
Fatemi sapere quali sono i vostri mezzi che preferite, se questo articolo vi è stato utile o se c’è qualcosa che volete chiedermi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.