Emilia Romagna,  Nord Italia

Cosa vedere a Parma: scopri tutto quello che c’è da fare

Parma da vedere vuol dire immergersi in una realtà di arte raffinata, tradizione musicale e gastronomica di fama internazionale. Città dell’Emilia Romagna, Parma è elegante e curata, da respirare a pieno nel suo stile unico. Chi non conosce il prosciutto di Parma o il parmigiano reggiano? Per non parlare della fama musicale legata a Giuseppe Verdi e al suo lascito. A Parma sorgono imponenti teatri lirici. Dal punto di vista artistico ci sono nomi come il Parmigianino e Correggio. Vi consigliamo di visitarla e provare assolutamente le sue prelibatezze. Un giorno può bastare per visitare i luoghi più importanti, ma vista la grande presenza di musei e luoghi da scoprire anche un weekend può andare bene.
Scopriamo allora insieme tutto quello che c’è da vedere a Parma al meglio.

 

Vedere Parma: Centro città

Palazzo della Pilotta, Galleria Nazionale e altri musei

vedere parma

 

Partiamo dal punto più importante tra quello che c’è da vedere a Parma, il Palazzo Pilotta é un complesso di edifici storici che accolgono diversi musei. Circondato dal verde, il palazzo si mostra molto imponente con i vari edifici e la grandissima piazza che lo circonda, dove potrete notare una bellissima fontana e diverse statue. La curiosità in merito a questo palazzo é il suo nome, che deriva dalla pratica dei soldati spagnoli che allora erano nel cortile del Guazzatoio, a giocare alla pelota basca. Da lí é stato preso il termine pelota, divenuto poi pilotta.

Il palazzo accoglie al suo interno il Museo Archeologico Nazionale, la Biblioteca Palatina, il Museo Bodoniano e soprattutto la Galleria Nazionale, tra i musei piú famosi della cittá dove potrete trovare opere di famosi artisti come Leonardo, Parmigianino, Correggio e tanti altri.
All’interno della Galleria Nazionale potrete visitarle anche il bellissimo Teatro Farnese, risalente al 1618 era il teatro di corte di Parma e Piacenza.

Cattedrale di Parma e battistero

vedere parma

Il duomo di Parma sorge nell´omonima piazza risalente al 1106, dall´esterno si puó notare quanto é antica ed esprime a fondo la storia che rappresenta e che porta fino a noi oggi. L´esterno é in stile romanico ed é molto bello, ma al suo interno riesce a trasmettere tutta la sua magnificenza. Nonostante l´interno sia rimasto romanico la chiesa é stata interamente affrescata in stile rinascimentale. Non appena entrerete vi sembrerà di essere in un museo a cielo aperto. Circondati da arte in ogni angolo, gli affreschi sono imponenti e meravigliosi. Ho perso il conto delle foto fatte a tutti i mille dettagli della cattedrale, imperdibile!
Al suo fianco sorge il battistero, anch’esso da visitare per i suoi interni curati, è un’incrocio tra stile romanico e gotico.

Chiesa di San Giovanni Evangelista

vedere parma

A due passi dal duomo sorge questo bellissimo complesso che comprende la chiesa, il monastero e l’antica spezieria. Famosa per il ciclo di affreschi realizzati dal Correggio che decorano la cupola, è un’altra visita imperdibile per conoscere l’arte della città.

Parco Ducale

parco ducale

Vedere Parma per noi comprende anche fare un giro all’interno di almeno un parco cittadino. Il cuore verde del centro di Parma é il grandissimo Parco Ducale, conosciuto anche solo come il giardino. Visitatelo soprattutto nel periodo primaverile per godere al meglio di una bella passeggiata nel verde, in un parco curato e ben tenuto.

Chiesa di Santa Maria della Steccata

chiesa della steccata

Rimaniamo sempre nel centro storico dove sorgono diversi edifici, tra cui la Chiesa della Steccata che risale al 1700 circa ed é caratterizzata da bellissime decorazioni rinascimentali e barocche. Anche l’interno di questa chiesa è un’esplosione di affreschi, inizialmente erano stati affidati a Parmigianino, che ne ha realizzato solo una parte, per poi lasciare il lavoro ad altri artisti come Michelangelo Anselmi e Bernardino Gatti.

Teatro Regio

Proprio lí vicino sorge anche il Teatro Regio. Si tratta di un teatro d´opera e non solo é il principale della città ma tra i piú importanti a livello nazionale. Meno noto rispetto ai piú famoso come La Scala, rimane un punto di riferimento per gli appassionati del genere.

Palazzo del Governatore, Monumento a Giuseppe Garibaldi

vedere parma

Proseguite dritto dal teatro e in un paio di minuti arriviamo in un punto cruciale della città. Il palazzo del Governatore che sorge sulla piazza Giuseppe Garibaldi con la sua omonima statua. Il palazzo ha avuto una lunga storia e diverse funzioni che si sono mutante nel corso dei secoli, fino a diventare oggi sede di mostre d’arte. La zona é veramente piena di vita e movimenti, tra ristoranti, caffé e negozi, é un punto di incrocio della citta´.

Camera della Badessa

La camera di San Paolo, conosciuta anche come Camera della Badessa, sorge dov’era l’ex monastero di San Paolo ed è famoso per essere stato dipinto da Correggio. Le decorazioni vennero avviate ad opera della badessa Giovanna di Piacenza e comprendeva in origine sei stanze. La visita comprende anche la Cella di Santa Caterina, che si trova ai margini dei giardini ed è decorata da opere di Santa Caterina. Tra i luoghi da vedere a Parma che più ci sono rimasti impressi dai tempi della scuola, frequentare il liceo artistico ci è stato d’aiuto!

Altre chiese

Chiesa di San Francesco del Prato

La chiesa risale al XIII secolo e fu realizzata ad opera dei francescani ed è caratterizzata da uno stile gotico. La particolarità di questa chiesa è che è diventata, nel 1800, un carcere e lo è stata fino al 1993, davvero tantissimo tempo!

Chiesa della santissima annunziata

Risalente al 1560, la chiesa è molto bella e imponente nel suo stile manierista, se vi trovate a passeggiare su Strada Massimo D’azeglio dateci un’occhiata. Tra l’altro sorge a pochi passi dal Ponte di Mezzo, un ponte sul torrente di Parma dove poter avere una visuale panoramica.

Musei e mostre

  • CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma: situato fuori dal centro di Parma, il museo è raggiungibile con l’autobus 7 all’uscita della stazione di Parma. Specializzato nel design, il museo si trova all’interno di una bellissima Abbazia e offre mostre di diverso genere durante l’anno. Tenete d’occhio il sito, ma vi consigliamo di inserirlo nel caso visitate la città per più giorni.
  • Palazzo Soragna Tarasconi: risalente all’epoca rinascimentale, il palazzo ospita diverse mostre durante l’anno.
  • Pinacoteca Stuard: ospitata dal 2002 dal monastero di San Paolo, dove ci sono esposte opere di artisti di vario genere come emiliani e fiamminghi.
  • APE Parma Museo: centro culturale e museale, impegnato a valorizzare l’arte e la cultura. Al suo interno vengono ospitate mostre, spettacoli, concerti, ma anche convegni e conferenze.
  • Casa natale di Arturo Toscanini: dopo tanta arte passiamo alla musica, la visita alla casa vi permetterà di ripercorrere la vita del celebre direttore d’orchestra.
  • Palazzo Pigorini: palazzo signorile e molto di classe che accoglie diverse mostre, ha le caratteristiche di una casa a corte.

A pochi passi dal centro

  • Orto Botanico: storico giardino realizzato nel 1630, definito il “Giardino dei Semplici”, era collegato alla facoltà di medicina dell’università di Parma. All’interno troverete fontane, siepi e giardini curati. Sorge anche una serra con presenti piante carnivore.
  • Parco della cittadella: situato a poca distanza dal centro, e poco più giù dell’orto botanico, sorge all’interno di una cittadella adibita a parco.

Mangiare a Parma: un’esperienza da non perdere

prosciutto parma

Visitare Parma passa anche dalla cucina, l’Emilia Romagna è famosa per i suoi piatti internazionali. Si parte dai salumi famosissimi come il prosciutto di parma, per passare dai formaggi, tutto da accompagnare dalla torta fritta, una pastella fritta semplice. Si passa poi ai primi piatti come gli anolini, una pasta all’uovo ripiena da mangiare in brodo. . Ci sono poi i tortellini alle erbe o alla zucca, i tagliolini, altro tipo di pasta fresca. Come secondo abbiamo la trippa fatta alla parmigiana, e la Rosa di Parma, il vitello cucinato con prosciutto e formaggio. Secondo particolarissimo è il Cavàl Pist, ovvero pesto di cavallo, la carne viene tritata e condita con varie spezie. Tra i dolci c’è la sbrisolata e il castagnaccio, con diversi tipi di torte.

Conclusioni

Il nostro giro di Parma è finito, sperando che vi abbiamo incuriosito abbastanza da convincervi a visitarla, ne varrà la pena. E soprattutto mangiare tanto!
Ricordateci di seguirci su instagram, pinterest e tiktok  per rimanere aggiornato sui nostri viaggi e commentare insieme 🙂

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.