giardino minerva
Campania,  Salerno,  Sud Italia

Giardino della Minerva: un angolo di paradiso a Salerno

Immaginate un giardino situato nel cuore del centro storico della città, sentite gli uccellini cinguettare e le foglie degli alberi muoversi con il vento. Guardatevi intorno e vedete che il giardino ha una vista panorama sul mare. Pensate alla magia che un posto simile può trasmettervi. Questo è il Giardino della Minerva.

Un orto botanico situato a diversi metri dal livello del mare, che si raggiunge percorrendo le stradine storiche di Salerno. Simbolo della Scuola Medica Salernitana, è una delle attrazioni più importanti del centro di Salerno. Io e Sabrina (chi è Sabrina? Leggi la nostra storia alla pagina Chi siamo) adoriamo andarci quando torniamo nella nostra città natale e sono questi i tipi di luoghi che amiamo di più. Terrazzato e cinto, l’orto sorge su cinque livelli dove troverete diversi tipi di piante coltivate e curate.

giardino minerva
Giardino della Minerva: dove si trova e come arrivarci, orari

Orari: dal martedì alla domenica dalle 9:30 alle 20:00
Ingresso: 3 euro

Il giardino si trova lungo l’asse degli orti che va dalla Villa comunale fino al Castello Arechi. Si tratta di una zona chiamata nel Medioevo “Plaium montis”, caratterizzata per la presenza di questi orti medievali. Per arrivarci bisogna camminare lungo le stradine del centro storico, non c’è altro modo per accedervi. Prima di tutto dovete arrivare a Salerno.

Se venite in treno potete arrivare alla Stazione di Salerno e percorrere tutto il Corso Vittorio Emanuele. Continuate su via Mercanti e girare su Via Canali fino a via Torquato Tasso, che vi porta sino al giardino.
Altrimenti potete prendere gli autobus della linea BusItalia come 4, 9, 5 o 6 fino al Teatro Verdi e da lì sono 5 minuti a piedi.
In auto potrete parcheggiare nella zona del Porto, vicino alla Villa Comunale e anche da lì sono tra i 5 e i 10 minuti di cammino.

giardino minerva
Il giardino dalla nascita ad oggi

Il giardino apparteneva alla famiglia Silvatico sin dal XII secolo. Fu in particolare Matteo Silvatico a creare il Giardino dei semplici, una sorta di anticipatore dei futuri orti botanici europei. Silvatico era un medico distinto e famoso soprattutto per la Scuola Medica Salernitana. Grande conoscitore delle specie officinali, utilizzava il giardino per mostrare agli allievi della Scuola Medica come utilizzare le pianti, i loro nomi e le loro caratteristiche. Le piante coltivate servivano anche a scopi terapeutici. Per il giardino il medico acquistava piante da ogni parte del mondo durante i suoi viaggi, e quando non poteva muoversi lui chiedeva ai mercanti di procurargliene.

Questo lo ha reso il più antico orto botanico mai creato. Quando venne realizzato si trovava a due metri più in basso rispetto a quello che è oggi, ma per via delle frane, alluvione e terremoti l’altezza del giardino si è modificata. L’aspetto che ha oggi l’orto probabilmente risale tra il seicento e il settecento.

Nel 1991 venne realizzato il progetto per realizzare un orto botanico da dedicare all’illustre medico salernitano. Il progetto fu accolto e venne finanziano nel 2000 dall’Amministrazione Comunale. Il giardino oggi, a seguito del restauro, è ricco di elementi che vanno dal XVII e al XVIII secolo.

L’elemento più evidente è una lunga scalea sottolineata da pilastri a pianta cruciforme, che sorreggono una pergola di legno. Questa struttura collega i diversi livelli del giardino e si erge sulle mura dell’antica città. Il percorso vi permetterà di arrivare dal primo livello fino all’ultimo dove si trova una terrazza-belvedere con una vista del mare, del porto, e del centro storico sottostante. Percorrere la scalinata che vi porterà sino a sopra è come immergersi in un’altra realtà per salire quasi fino alle nuvole.
Il sito è anche dotato di un particolare microclima, che permette di coltivare le diverse specie vegetali.

Conclusioni

Il Giardino della Minerva è quindi un concentrato di storia, nasce dal Medioevo ad opera di un medico ed è riuscito ad arrivare sino ai giorni nostri.  Per dare ai visitatori della città un luogo protetto dal caos della città dove potersi rilassare e godere di una vista panoramica unica. Non vi ho raccontato tutta la storia del giardino, molte delle informazioni le troverete al suo interno, dove ricchi pannelli vi descriveranno quello che andrete a vedere.

Se vi piace la vista c’è anche la possibilità di sedersi ai tavolini per rilassarsi un po’. Per gli amanti della natura e della cultura questo è un posto da non perdere. Per saperne di più su Salerno sappiate che la conosco abbastanza bene, andate pure a spulciare la sezione dedicata e vedete se qualcos’altro vi garba 🙂

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.