lago di lecco
Alla scoperta,  Laghi e natura,  Lecco,  Lombardia,  Nord Italia

Lago di Lecco: alla scoperta di cosa fare e vedere

Per lago di Lecco si intende quella parte orientale del lago di Como che tocca la città di Lecco e tutta la sua provincia. Si tratta di una zona bellissima e sottovalutata quando si tratta di visitare il lago di Como, ecco perché abbiamo dedicato un articolo soltanto alla parte orientata su Lecco. Le attrazioni di questa sponda sono ricche e diversificate, ci sono borghi storici, percorsi nella natura, chiese, ma anche spiagge e castelli. Tra le cose da non perdere spicca sicuramente la città di Varenna e l’orrido di Bellano ma anche le altre hanno bellezze da offrire. Il percorso di attrazioni verrà descritto seguendo la posizione delle città, da Lecco che si trova più al sud, per poi risalire piano piano fino alla parte più alta del lago.

Lago di Lecco da vedere: come arrivare

Prima di tutto vorremmo darti delle informazioni su come raggiungere il lago, ci siamo occupate di come spostarsi sul lago di Como utilizzando i mezzi in questo articolo. La sponda del lago di Lecco infatti è servita da una tratta che copre tutte le città principali a partire da Como fino alla parte più alta Colico. In alternativa ovviamente si può arrivare in auto, quasi tutte le città sono attrezzate di parcheggi, anche se nei weekend sarà più difficile trovare posto ed è possibile trovare traffico. D’estate in particolare il  lago viene assediato, in quei casi consigliamo di più i treni che si possono prendere da città come Milano. Le città possono essere ragguinte anche via mare tramite traghetti che viaggiano sulle varie sponde del lago di Como.

Lago di Lecco: cosa vedere

Lecco: la città di Manzoni e il lago

lago di lecco

Il giro alla scoperta del lago di Lecco parte dunque dalla città da cui ne prende il nome: la splendida Lecco. La città è diventata famosa grazie ai racconti di Manzoni che l’ha resa protagonista nel suo capolavoro I promessi Sposi. Per quanto riguarda i suoi scritti Manzoni si concentra sul caratteristico quartiere di Pescarenico. Il borgo è suggestivo e romantico, siamo sulla riva sinistra dell’Adda, il fiume che atrtaversa la città. La tranquillità presente all’interno di questo quartiere e le sue stradine storiche ti porteranno indietro nel tempo. Nonostante Manzoni parli molto del convento dei Cappuccini, ad oggi non è più presente. L’edificio di culto di riferimento del quartiere è la Chiesa di Santi Materno e Lucia, che sorgeva proprio dif ianco al convento dei Cappuccini.

basilica san nicolo

Ma Lecco non è solo questo, il suo centro storico è delizioso, visita piazza XX Settembre dove sorgono i principali locali e i palazzi più importanti. Tra i luogi di culto della città non può mancare un giro alla Basilica di San Nicolò situata proprio a pochi passi da Piazza Mario Cermenati, una piazza che affaccia sul lago. La passeggiata sul lungolago è d’obbligo, potrai ammirare anche l’Isola Viscontea e il Ponte Vecchio. Quest’ultimo è uno dei monumenti più rappresentativi della città. Siamo di fronte ad un grande esemèpio di ingegneria militare d’epoca. Il suo scopo era quello di proteggere l’accesso al borgo di Lecco.

Abbadia Lariana e il sentiero del viandante

Prima tappa della provincia di Lecco è Abbia Lariana, una cittadina di soli 3000 abitanti che sorge sul lungolago. Questa tappa è ottima d’estate grazie alla presenza di una spaziosa e pulita spiaggia libera raggiungibile comodamente anche dalla stazione dei treni. Se non si è interessati a fare il bagno questa città è importante anche per essere la prima tappa del Sentiero del Viandante. Un percorso di trekking che ripercorre la sponda del lago. Per gli amanti dei panorami e delle camminate è sicuramente tra gli itinerari più belli da fare sul lago di Como. Il percorso inizia proprio da Abbadia Lariana e percorre diverse città per arrivare fino a Colico. Il sentiero ripercorre un’antica mulatteria lungo tutta la costa. Il percorso ha una lunga storia e quello di oggi è il risultato dell’unione di diversi percorsi creati nel corso del tempo. La lunghezza è di circa 45 chilometri, motivo per cui è consigliabile percorrerlo a tappe. Molte città sono servite dai treni, motivo per cui è possibile partire da diversi punti. Nonostante sia visitabile tutto l’anno, sicuramente i periodi migliori sono l’autunno e la primavera. Per maggiori informazioni lasciamo il sito dedicato.

Mandello del Lario e Lierna: le spiagge

 

città sul lago di como

Due delle tappe del Sentiero del Viandante sono le città di Mandello del Lario e di Lierna. Entrambe cittadine piccole ma caratteristiche, sono tappe ideali soprattutto per l’estate grazie alle spiagge libere e ben curate dove è possibile fare un bagno, godendo dello splendido spettacolo del lago. Ci sono sia spiagge libere che lidi attrezzati, ma anche zone erbose dove si può andare in primavera o autunno per godere del lago senza dover fare per forza un bagno. Due città ideali per rilassarsi sul lago di Lecco e godere della sua bellezza.

Varenna, la città più romantica del lago

varenna da vedere

Perché la definisco una città romantico? Prima di tutto per la suggestiva Passeggiata degli Innamorati, che già dal nome ispira spettacoli unici. Non solo, la città di Varenna è un borgo unico nel suo genere e tra le cittadine della provincia di Lecco da non perdere. Il cuore della città è piccola ma si può respirare la storia e la magia di questo luogo antico. Ma che cos’è la Passeggiata degli Innamorati? Si tratta di un percorso che sembra quasi fluttuare sul lago, sarà possibile camminare sotto questo lungo pergolato di fiori e piante, mentre si osserva la bellezza del lago. Ed è proprio con questo percorso che si raggiunge il centro. Da qui è possibile seguire la greenway dei patriarchi, ovvero ovvero un percorso che costeggia il centro di Varenna e i comuni limitrofi, da cui è possibile avere degli scorci della città sul lago davvero caratteristici.

varenna da vedere

Le attrazioni principali della città sono due: la Villa Monastero e il Castello di Vezio. La Villa è caratterizzata da uno splendido giardino, dove la bellezza dei fiori e della natura incontro quella dell’architettura, il tutto decorato dalle sponde del lago che la toccano dolcemente. Il Castello invece sorge su un promontorio che sovrasta la città, la vista da quassù è mozzafiato. E se hai abbastanza tempo c’è anche la splendida Villa Cipressi, un giardino botanico che sorge vicino alla Villa ma si differenzia nell’architettura del giardino. Se la Villa Monastero si estense su un solo livello, Villa Cipressi è caratterizzata da diverse salite e terrazze panoramiche.

Bellano e il suo orrido

bellano da vedere

Cittadina veramente splendida, Bellano è riuscita ad avere il premio bandiera arancione del touring club. Il centro storico è davvero curato e tenuto benissimo, cosa che a noi è piaciuta parecchio. Molto piccolo e concentrato soprattutto sulla sponda del lago, regala dei bellissimi scorci. Fiori, aiuole e piazze carine rendono la città una piccola bomboniera da vivere. L’attrazione principale della città e anche tra le più famose della zona è l’orrido. Si tratta di uno spettacolo della natura unico. Una gola naturale attraversata dal fiume Piovern che, addentrandosi nella roccia per secoli, ha creato questo spettacolo naturale. Per raggiungere l’orrido ci sono le indicazioni già a partire dalla stazione e sarà possibile entrare al costo di cinque euro. Il percorso è possibile grazie a delle passerelle che attraversano tutta la gola. Attenzione perché se si soffre di vertigini non è facile da percorrere, ma ne vale assolutamente la pena.

lago di como

Bellano offre anche altro, tra i luoghi religiosi abbiamo le chiese dei Santi Nazaro e Celsio e quella di Santa Marta. Il centro storico è assolutamente da vivere, grazie anche al lascito degli artisti del tempo. Andrea e Giancarlo Vitali hanno fatto raccontato la bellezza di questa città attraverso l’arte e la scrittura. C’è poi Tommaso Grossi, tra gli artisti più importanti della città. A lui è dedicata una piazza che affaccia proprio nel cuore del centro, sul lungo lago.

Colico: un giro nella zona di Piona con Abbazia e spiaggia

Città sul punto più alto di questo percorso, offre diverse spiagge molto belle dove poter fare il bagno. Ma non solo, la zona di Piona è molto caratteristica sia per la presenza di una spiaggia ma per la sua Abbazia. L’abbaziano Cistercense di Santa Maria Piona rappresenta un bellissimo esempio di architettura romanica lombarda. Si trova sulla penisola Olgiasca e da qui è possibile godere di una bellissima vista panoramica sulla parte occidentale del lago. Luogo suggestivo e tranquillo immerso nella natura.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.