roma street art
Alla scoperta,  Centro Italia,  Lazio,  Roma,  Street art

Roma street art: scopri i quartieri più belli

Roma è arte, bellezza, storia, cultura e buon cibo. Ma non è solo questo. Roma è anche street art, quartieri riqualificati grazie alle opere di artisti di fama internazionale e palazzi coloratissimi. Roma è senza ombra di dubbio una delle città più belle al mondo, con la sua storia millenaria e attrazioni uniche che attirano turisti da ogni dove.
Eppure Roma è così grande e ha così tanto da offrire che la street art negli anni è riuscita a diventare parte dell’interesse turistico da parte dei viaggiatori.

L’arte di strada è un genere complesso e molto combattuto, non tutti amano questi artisti che con le bombolette spray realizzano opere su facciate dei palazzi o sulle pareti, così come tanti altri li adorano. Noi siamo la seconda categoria. Da viaggiatrici veterane non ci facciamo mai sfuggire la possibilità di vedere della bella street art quando siamo in giro e se abbiamo tempo. Roma è senza ombra di dubbio una delle città più importanti al riguardo. Le opere sono a centinaia, gli artisti di fama internazionale con opere dallo stile più disparato. Quella che una volta era un’arte vietata oggi viene utilizzata anche per dare colore ai quartieri, come vedremo per Tor Marancia e San Basilio.

roma street art

Non c’è da dimenticare che a Roma sono nati artisti di fama internazionale come Alice Pasquini o Hitnes. Alice è un’artista celebre in tutto il mondo, ha arricchito la città di Roma con tantissime opere dal tocco unico. I suoi lavori sono caratterizzati solitamente da ragazze, bambini, con tratti dolci e colori delicati. Se volete sapere dove si trovano sul suo sito troverete le foto e gli indirizzi, perché sono davvero troppe per elencarle tutte.

Oggi vi porteremo in giro tra Ostiense, Tor Marancia e San Basilio, ma fateci sapere se voi conoscete qualche altra bella zona ricca di arte, sarà nostra premura aggiungerla alla lista per un prossimo viaggio 😉

Ostiense

Ex quartiere industriale, Ostiense rappresenta la culla della street art di roma. Siamo a venti minuti dal centro storico della città, Ostiense è servita dalla metropolitana e autobus. Un quartiere dal carattere underground grazie al lascito delle industrie, ai locali e all’università. Vi basterà percorrere alcune delle strade principali per notare come Ostiense è divenuta una meta importanti per gli amanti del genere. I lavori si concentrano soprattutto tra Via Porto Fluviale e Via delle Conche.

I mille volti di BLU

roma street art

Ed è proprio nell’incrocio tra queste due strade che sorge uno dei lavori più importanti: I mille volti di BLU (foto in copertina). Parliamo di un artista nati a Senigallia che è riuscito a farsi conoscere negli anni per le sue opere di street art dal forte impatto. Ostiense è stato tra i primi luoghi ad accoglierlo ed in questa occasione una ex-caserma è diventata una tale per l’artista che l’ha decorata con decine di facce coloratissime ma allo stesso tempo prive di espressione. Quella dell’artista vuole essere una denuncia sociale su quella che è la piaga di chi è senza casa o in occupazioni abusive.

il Nuotatore

nuotatore roma

Continuando su Via del Porto Fluviale potrete arrivare fino alla Pescheria Ostiense, su cui si erge il Nuotatore di Agostino Iacurci. L’immagine rappresenta appunto un nuotatore, circondato da pesci con cui è in armonia. Il lavoro riesce a coprire l’intera facciata del palazzo, risultando imponente. Sullo stesso palazzo, all’angolo c’è anche l’immagine di una donna di spalle. Si vede soltanto la nuca e parte del collo. L’opera si chiama Nessuno ed è di Axel Void. L’opera di ispira alla ferramenta Cantini, che è anche il luogo che la ospita.

street art roma

Wall of Fame

wall of fame roma

Da qui se prendete una qualsiasi traversa all’interno vi potrete addentrare verso Via dei Magazzini dove sorge un’altra opera importantissima e famosa: Wall of Fame di JB Rock. Si tratta di una parete lunga ben 60 metri dove sono rappresentati tutti gli artisti e personaggi celebri che sono stati importanti per la vita dell’artista. Noterete le facce più disparate, da Dante Alighieri ad Elvis Presley, fino a Barack Obama.

Herbert Baglione

Tornando indietro nell’angolo di Via delle Conche imboccate la strada e troverete un sottopassaggio ricco di street art e graffitismo. Proseguendo per la strada troverete l’opera di Herbert Baglione, l’opera mostra dei “fantasmi” su uno sfondo nero. Persone sofferenti, in preda all’angoscia o al caos, a voler rappresentare la sofferenza umana.

Tor Marancia

tor marancina

In questo caso non siamo in un quartiere ma più in un vero e proprio condominio, per la precisione a Via Tor Marancia n.63. Non è molto lontano dal centro storico, in mezz’ora di autobus si può raggiungere.Qui con un’opera di ridefinizione urbana sono state interamente decorate le facciate delle palazzine. Un insieme di colori e stili variegati, le undici palazzine regalano uno spettacolo di street art unica. Alla base c’è il progetto Big City Life, realizzato per dare colore alla zona urbana. Si tratta di un lavoro che ha coinvolto 20 artisti internazionali, con 70 giorni di lavoro. Il tutto è stato sostenuto da 999Coontemporary e la Fondazione Roma. I murales arrivano fino a 14 metri e ognuno è diversissimo dall’altro, ecco perché è importante non perderne nessuno. Le palazzine sono tutte all’interno di questo condominio in cui vi ritroverete a passeggiare, tra cortili e aiuole ben curate.

Il Bambino Redentore e Benvenuti a Shanghai

welcome to shangai

Tra le opere più celebri c’è il Bambino Redentore, che ricorda un bambino del quartiere che morì a causa di un incidente. L’artista Pantonio ha decorato una facciata con bellissimi animali marini, mentre Alberonero ha realizzato una facciata coloratissima con tantissimi quadrati che vanno dal giallo, al viola, al verde. Opera significativa è Benvenuti a Shanghai. La zona infatti venne soprannominata così a seguito della sua creazione intorno agli anni 30, dove vennero portati tutti i romani costretti a sfrattare dal centro città. Il soprannome derivava dal grande affollamento e dai continui allagamenti della zona.

Le opere sono tante e tutte da scoprire, sono tenute come un vero e proprio museo a cielo aperto che fa parte del condominio e rappresenta un punto di orgoglio della città.

San Basilio

street art roma

Ultimo ma non meno importante il quartiere di San Basilio è divenuto protagonista del progetto di arte pubblica chiamato “SanBa“. Siamo in quartiere fuori dal centro di Roma, a circa 50 minuti di distanza dal centro se ci si arriva con i mezzi pubblici. Se siete in auto non sarà difficile raggiungerlo.
Anche in questo caso, come a Tor Marancia, la street art viene utilizzata per dare colori e vivacità ad una zona un po’ difficile. L’arte diventa riqualificazione urbana, per dare un senso estetico e coinvolgere i cittadini.

Tra gli artisti principali della zona troverete soprattutto le opere di Agostino Iacurci, già citato prima per il Nuotatore, lo street artist spagnolo Liquen e le opere del romano Hitnes. Noi siamo un po’ di parte e durante i nostri viaggi nella street art in questo quartiere ci siamo letteralmente innamorate delle opere di Hitnes. Le sue opere hanno come protagonisti gli animali, in uno stile coloratissimo e delicato ha realizzato gatti, orsi, uccelli, colibrì, papere e tanti altri. All’interno delle sue opere infatti l’uomo viene messo da parte, per dare spazio alla natura, a elementi come mare, terra e acqua. Circondati da alberi di pino, le opere sembrano unirsi in maniera lineare con l’ambiente circostante, in un connubio perfetto.

street art roma

Conclusioni

La street art a Roma come avete visto è davvero tantissima e dai generi più disparati. Sono centinaia gli artisti passati per la nostra capitale e la forza dell’arte è riuscita ad unirsi alla realtà urbana, allo scopo di rendere con l’estetica un’immagine diversa di quartieri da un passato difficile. Ma noi vi consigliamo di girarla bene la città, di guardare in ogni angolo per non farvi scappare nulla, potrebbe spuntare un lavoro negli angoli più inaspettati.
E se trovate qualche bel lavoro fatecelo sapere, ci farà piacere vederlo, scrivetecelo nei commenti 🙂
Non dimenticate che la street art è anche una rubrica del nostro blog, fatevi un giro se vi piace il genere.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.