Lombardia,  Nord Italia

Tutto quello che c’è da vedere a Mantova

Città lombarda ricchissima di arte, Mantova offre tantissimo da vedere nel suo cuore del centro storico e nei suoi splendidi musei e palazzi. Parliamo di una città importante che ai tempi di Carlo Magno fece parte del Sacro Romano Impero di cui fece parte a lungo. La città visse il suo massimo splendore durante il periodo dei Gonzaga, che ressero le sorti della città per secoli, dal 1300 al 1700 circa. Sono tantissimi gli artisti che hanno lasciato il segno in questa città e il cui lascito è ancora visibile: Leon Battista Alberti, Mantegna, Giulio Romano. Arte e storia sono le parole chiavi di questa città magica dai colori mattine che riesce a farvi immergervi in una realtà quasi da favola. Il centro storico è facilmente visitabile a piedi in un giorno, i musei principali sono due e entrambi molto vasti e ricchi di decorazioni: il Palazzo Ducale e il Palazzo Te. Visitarli entrambi in un solo giorno è quasi impossibile, quindi vi consigliamo o di sceglierne uno solo o di visitarla in due giorni almeno. Noi li abbiamo adorati entrambi era impossibile sceglierli. Il resto della città è ricco di palazzi storici, di piazze, il lungolago e, attraversando il ponte, potrete godere dello skyline di Mantova.

Mantova da vedere: un percorso nella storia del cinquecento

Basilica di Sant’Andrea

mantova da vedere

La chiesa è un capolavoro dell’architettura rinascimentale italiana ed è semplicemente meravigliosa. La realizzazione fu realizzata su un disegno di Leon Battista Alberto a partire dal 1472, anno in cui però lo stesso morì. L’opera venne continuata da Luca Fancelli che si occupò in circa venti anni della facciata, soltanto più avanti venne terminata anche al suo interno. Il termine dei lavori venne realizzato in più riprese fino a metà del ‘700. L’interno è enorme e imponente, con le numerose volte a botte e gli affreschi che decorano tutta la chiesa.

Piazza delle Erbe: immergetevi nel cuore del centro storico

mantova da vedere

Siamo in una delle pizze che rappresentano un punto cardine della città, attorno a cui sorgono alcuni degli edifici principali, ammirate e respirate la bellezza delle epoche passate che si avvertono percorrendo il centro storico di Mantova. Noterete le bellissime case targo gotiche e rinascimentali. Dai colori terracotta alle decorazioni marmoree, trai locali storici sorge in particolare la Casa del Mercante. Edificio risalente al quattrocento venne realizzato da Giovanni Boniforte di Concorezzo. L’agiato mercante volle sugellare così la propria bottega, con decorazioni come scritte in latino e intaglio floreali. Qui sorgono i seguenti edifici: Torre dell’orologio e Palazzo della Ragione

Torre dell’Orologio

torre dell'orologio

Risalente al 1473, l’orologio astronomico posto sulla torre fu costruito da Bartolomeo Manfredi, l’astronomo di Ludovico II di Gonzaga. Originariamente aveva tantissime funzioni diverse e particolarissime, tra le quali spicca ancora oggi in quale segno e grado si trova il sole, la luna, le fasi lunari e le ore dei pianeti. La torre è rimasta di stile quattrocentesco e riesce a spiccare nella piazza, inoltre è possibile visitarla al costo di soli 3 euro per avere una visuale di Mantova dall’alto. La torre funge anche da ingresso all’attiguo Palazzo della Ragione, risalente alla metà del ‘200 durante l’epoca dei Gonzaga ed era sede dell’amministrazione della giustizia e si caratterizza per il suo portico quattrocentesco.

Rotonda di San Lorenzo

Antichissimo edificio religioso, trai i più antichi della città, è molto più piccolo e contenuto rispetto alla vicina Basilica di Sant’Andrea. L’opera si ispira al modello del S. Sepolcro di Gerusalemme e venne inglobata nel ghetto ebraico, finendo ad essere “coperto” dalle case circostanti. Fu solo nel ‘900 che venne riscoperto. L’interno è molto semplice ma suggestivo ed è possibile visitarlo in pochi minuti.

Teatro scientifico della Bibiena

mantova bibiena

Situato all’interno del Palazzo dell’Accademia, ma con ingresso separato, è una meraviglia dell’architettura barocca. Il teatro è visitabile al costo di soli tre euro e vale la pena davvero visitarle l’interno. La pianta è a campagna e ci sono ricche decorazioni di pannelli che decorano il palco. Ancora oggi offre spettacoli ed eventi.

Palazzo Ducale: tra musei, parchi e duomo

Piazza Sordello

piazza pallone

Ci troviamo al centro di una piazza importante per i punti di riferimento che la circondano, ma a differenza della prima lo stile è diverso, molto più ampia e spaziosa, si respira un’aria più moderna rispetto alla precedente. Al termine della piazza si trovano i punti più importanti, tra i musei che citeremo dopo, vi consigliamo di passare dalla casa del rigoletto, un punto informazioni turistiche molto carattestico. Ai lati della piazza si trova anche un giardino nascosto: la piazza pallone. Decorata da un giardino curato e molto semplice, era una volta l’ingresso alla Corte, prima di essere poi spostata. Qui trovamo altri due luoghi imperdibili da visitare a Mantova.

Cattedrale di San Pietro

mantova

Il Duomo di Mantova è di origini molto antiche ed era romanica, di cui è rimasto soltanto il campanile.  Giulio Romano (artista importante della città) si occupò dell’interno della chiesa a seguito di un incendio, quello che troverete oggi è uno stile molto austero e solenne. Molto meno impressionante rispetto alla Basilica di Sant’Andrea, è un altro punto di riferimento religioso della città.

Palazzo Ducale

camera degli sposi

Museo più importante della città insieme al Palazzo Te, si tratta di un vero e proprio complesso di edifici storici, caratterizzato da chiese, piazze, giardini ed edifici adibiti a museo. Il nucleo è davvero vasto e il biglietto di base comprende la Corte Vecchia, la Corte Nuova e la Camera degli Sposi, c’è inoltre il Castello di San Giorgio.
La Camera degli Sposi è decorata da un ciclo pittorico dipinto da Mantegna, capolavoro del rinascimento lombardo dove sono rappresentate le scene della vita dei Gonzaga. La corte vecchia e nuova sono piene di sale ricche di decorazioni meravigliose.

Giardini: tra la virgiliana e il lungolago

Spostiamoci dalla parte artistica della città per percorrere un po’ la parte più naturale della città, i giardini della virgiliana accolgono una statua di Virgilio e si affacciano sul lungolago della città. Il percorso è molto naturale, ricco di alberi e perfetto per passeggiare e rilassarsi.

Ponte di San Giorgio e Skyline di Mantova

mantova da vedere

Continuando a percorrere il lungolago a partire dal Giardino della Virgiliana, tornando verso il Palazzo Ducale, potrete arrivare fino al Ponte di San Giorgio. Qui potrete percorrere questo storico ponte che vi porterà dall’altra parte del lago dove potrete vedere lo skyline di Mantova in una visuale unica, vi consigliamo di andare soprattutto al tramonto per vederlo in maniera ancora più magica.

I musei nella zona sud: Casa del Mantegna e Palazzo di San Sebastiano

Abbandonando la parte storica della città, ci sono alcune attrazioni che si trovano nella zona sud di Mantova, se avete tempo vi consigliamo di farci un giro perché vale la pena. Qui sorgono la Casa del Mantegna, caratterizzata da una pianta molto particolare, ospita al suo interno ricche decorazioni pittoriche e mostre temporanee.
San Sebastiano è una creazione di Leon Battista Alberti, è una chiesa caratterizzata da una facciata molto particolare e alternata da un restauro del 1925. Il tempo oggi è riferimento per i Caduti, al suo interno infatti sorge un monumento ai caduti della guerra di Liberazione.

Palazzo te

palazzo te

palazzo te

Vedere Mantova e la sua arte risulta completa con la visita a questo palazzo meraviglioso. Strepitosa villa suburbana, è tra le più famose e belle del cinquecento ed è edificata per i Gonzaga ad opera di Giulio Romano. La visita a questo villa vale davvero la pena, se avete più di un giorno vi consigliamo di visitarlo assolutamente, o di vederlo al mattino e fare un giro nel centro storico al pomeriggio. Il palazzo ospita diverse sale al suo interno e sarà possibile fare un percorso grazie anche a delle guide che potrete leggere non solo nelle sale ma anche grazie ad un’applicazione scaricabile in loco. Ogni sala è affrescata in maniera diversa e caratterizzata da scene diverse come la Metamorfosi, la Stanza dei Cavalli, la sala di Psiche e altre. Quella più meravigliosa è senza ombra di dubbio la Sala dei Giganti. Rappresenta la sconfitta dei giganti in un unico grande affresco che decora interamente la stanza con un effetto scenico unico, da lasciare senza fiato.

Extra: Peschiere di Giulio Romano

peschiera giulio romano

Le Peschiere erano parte del mercato cittadino e più nel dettaglio di quello del pesce, sorgono sopra il Rio, un canale artificiale che taglia la città tra il lago Superiore e Inferiore. Si tratta di ampie aperture ad arco che sorgono su questo corso d’acqua, creando una scena molto suggestiva. Ancora oggi si fa il mercato cittadino, anche se la funzione delle peschiere è diventata ormai semplicemente decorativa. Attorno sorge anche una carinissima piazza con giardino decorati, che vi consigliamo di visitare.

Mantova da mangiare

sbrisolata

Se vi fermate a Mantova da vedere, anzi provare, c’è la cucina tipica, ricca di prodotti interessanti sia dolci che salati, è veramente ottima. Partiamo da un dolce di cui ci siamo innamorate: la sbrisolata, una torta di pasta frolla e mandorle semplicemente sublime. Tra i piatti si annoverano sia primi che secondi, molti tipi di pasta fresca, carni, zuppe e pesce,  a cui si aggiungono anche vini tipici,alcuni esempi:

  • Tortellini alla zucca: una pasta fresca ripiena di zucca dolce e mostarda;
  • Agnoli: simili ai tortellini, ripieni di carne, si possono mangiare sia in brodo che con salsa al burro e salvia;
  • Riso alla pilota: piatto tipico a base di riso arricchito con maiale e formaggio;
  • Luccio in salsa: il luccio è un pesce di lago preparato con un sughetto delizioso con capperi, olive e altre verdure, affiancato a polenta fatta alla piastra;
  • Stracotto d’asino: carne di asino accompagnata da polenta.

Ricordateci di seguirci su instagram, pinterest e tiktok  per rimanere aggiornato sui nostri viaggi e commentare insieme 🙂

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.